15 giugno 2016

#WheninRome: arte in stazione

Righe, pois, tinte vivaci e la battaglia estetica contro il degrado. I volti delle attrici romane Virna Lisi, Monica Vitti, Claudia Cardinale e Anna Magnani, colorano la stazione La Giustiniana, immersa nel verde della campagna di Roma Nord. A riqualificare il luogo sono i capolavori dell’artista Tina Loiodice, che con un’esplosione cromatica attirano l’attenzione dei viaggiatori. Il progetto “Arte in Stazione e Città a colori,” finanziato da RFI ( Rete Ferroviaria Italiana), ha l’obiettivo di abbellire sottopassaggi, binari e vagoni e trasformare gli spazi fatiscenti in luoghi più piacevoli per i passeggeri. L’iniziativa promossa da NSA (Nucleo Sicurezza Ambientale) Roma Nord e organizzata da Franco Galvano, vicepresidente dell’Associazione NSA, nasce al fine di riqualificare 120 stazioni ferroviarie di Roma e Provincia. Anche le scuole, oltre ad  artisti, street artist e writer, possono contribuire con le loro capacità a migliorare questi ambienti. Dalla proposta di una dirigente scolastica di esporre alcuni dipinti degli alunni dell’Istituto Comprensivo Ungaretti, prende vita il progetto romano dei murales. Ad inaugurare il percorso è stato Jerico, che ha rappresentato dei cani in corsa lungo il sottopassaggio della stazione di Settebagni. Le opere di street art sono destinate a colorare altre fermate come Primavalle, Tor Marancia, Quadraro, Labaro, San Paolo e Tufello. Un’iniziativa per promuovere l’identità delle stazioni ferroviarie e della metro e per coinvolgere i cittadini con lo scopo di aumentare la vivibilità di questi luoghi insieme al supporto delle istituzioni. “Il nostro ambizioso obiettivo è quello di creare un diffuso museo a cielo aperto, fruibile a tutti i cittadini e visitatori della nostra meravigliosa città,” afferma Franco Galvano a Romaunderground. Attraverso l’arte si combatte il degrado e si favorisce la costruzione di un senso civico.

Silvia Curitti, IED Istituto Europeo di Design

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr