4 aprile 2014

Visti a Room Service: Ninael

Creazioni che uniscono la tradizione del Made in Italy a un design contemporaneo e allo stesso tempo pratico ed elegante.

Questo è l’intento di Elena Longhi, designer del  brand Ninael che ha riscosso un grandissimo successo durante l’ultima edizione di Room Service. La giovane creativa, per la sua collezione d’esordio,  sceglie un registro espressivo sobrio e decisamente urban-chic, ma con un occhio attento ai dettagli e ai materiali.  Tutte le creazioni Ninael vengono infatti realizzate con pelli di primissima qualità, selezionate nelle migliori concerie e lavorate in laboratori artigianali toscani da mani esperte che per decenni hanno lavorato gomito a gomito con i grandi nomi della pelletteria italiana.

1) Prima di lanciare la tua linea di borse lavoravi nel campo dei media e della pubblicità. Come è nata la passione per il mondo della moda e soprattutto degli accessori?

La passione per la moda penso sia nata con me e allo stesso modo gli accessori hanno catturato la mia attenzione sin da bambina. Poi gli studi mi hanno portato a intraprendere una carriera diversa, ma ho sempre saputo che prima o poi avrei provato a creare qualcosa di mio.

Ninael

2) Quali sono le caratteristiche essenziali che deve avere una borsa per te?

Una borsa, essendo l’accessorio chiave in ogni outfit, deve essere semplice ma allo stesso tempo racchiudere un dettaglio unico e inconfondibile.

3) Nata a Roma, ormai residente a Parma. Cosa ha rappresentato per te tornare nella tua città natale per Room Service?

E’ stata un’esperienza bellissima tornare nella mia Roma, riunire tanti amici per un evento così importante.

Ninael

 

 

4) Raccontaci la collezione presentata a Room Service

La collezione presentata e’ la prima Capsule Ninael, 5 modelli perfetti per ogni momento della giornata e per ogni mood; tutti i modelli presentati hanno delle linee semplici ma sono caratterizzati da un elemento inconfondibile, iconico.

5) Alla base della tua linea c’è un’attenzione particolare ai pellami e alla loro lavorazione. Hai in progetto di sperimentare nuovi materiali?

Assolutamente sì. Alla base della mia prossima collezione ci sarà tanta pelle di serpente a tinte forti, bellissimi stampati e ancora tanto galuchat.

 

Martina Briotti

Accademia Costume & Moda

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr