6 marzo 2014

Visti a Room Service: Alberto Zambelli

E’ un viaggio introspettivo che va alla ricerca della femminilità, attraverso un percorso di fascinazione e incorruttibile bellezza derivante dal microcosmo naturale, quello affrontato dal designer Alberto Zambelli con il suo A/I 2014 2015 presentato in occasione di Milano Moda Donna. Dopo aver esposto le sue creazioni alla quinta edizione di Room Service, lo stilista diplomato all’Istituto Marangoni ha sfilato nel lussuoso Palazzo Clerici nella capitale della moda, portando in passerella la collezione Systema Naturae.

Rigore sartoriale, cura dei dettagli e utilizzo di tessuti ricercati restano il fil rouge dei capi, sempre di eccezionale qualità, di Zambelli che in questa collezione si sublimano nelle forme antropomorfe della mantide e dell’eccezionale potere seduttivo del suo corpo, che custodisce un culto antico e misterioso, culminando in un’esperienza sensoriale in cui la donna è capace di incantare con la sua irraggiungibile forza di magnetica attrazione.

I dettagli sono preziosi e irradiano di luce gli abiti con applicazioni di quei micro cristalli Swarovski che già avevamo visto a Room Service, evidenziando una perizia sartoriale che si traduce in una cognizione volumetrica lirica, sensibile, crepuscolare.

Una purezza di un minimalismo rarefatto che emerge anche dalla palette cromatica, interamente giocata sul bianco puro ed etereo e sui colori vegetali, sgranati nelle texture di superfici ritmiche, come lana e cashmire, doppio faille e alpaca-seta.

Farfalle magne si posano su fantasie a fiori nei velluti cimati devorè in lacca rossa per un autunno/inverno avvolto da un’aura di sofisticata ed elegante leggerezza che profuma di grafite, essenze floreali, inchiostri sfumati e made in Italy.

Mara Franzese

Accademia Costume & Moda

Ph Courtesy Maximilian Linz

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr