2 luglio 2015

#TalentStory I finalisti di Who Is On Next? donna 2015 | Giuseppe Di Morabito

Giuseppe Di Morabito nasce nel 1992 in una piccola cittadina della Calabria. La sua infanzia nella campagna del sud Italia eserciterà una forte influenza sulla sua attività di designer, plasmando l’estetica del suo lavoro. I colori e i toni, le trame e le forme, i paesaggi e lo stile di vita della sua terra d’origine ancora oggi fungono da fonte d’ispirazione per la sua creatività. Giuseppe affascinato dapprima dai siti architettonici storici, sviluppa poi un profondo amore per la storia antica e le tradizione delle arti visive. Il designer vive oggi a Milano, e trae prevalente ispirazione dall’iconografia classica che pregna tutta l’arte italiana. Nel 2013 Giuseppe si trasferisce a Milano, ed inizia il suo percorso formativo presso l’Istituto Marangoni, iscrivendosi al corso di Fashion Design. Per la prima volta a Milano ha la possibilità di essere rapito, e lasciarsi contaminare, dall’estetica della città moderna e in particolare dalle molteplici sfaccettature della moda milanese. Milano offre a lui la possibilità di approcciare il processo creativo urbano, di cui la bucolica terra natia mancava; questo gli permetterà di accrescere il suo stile ibrido, che si destreggia tra la realtà agreste del sud e il substrato metropolitano milanese. Giuseppe, dopo un lungo iter creativo, decide di produrre una collezione rivolta al pubblico piuttosto che prettamente per scopi accademici.

Nel 2014 il suo sogno diviene realtà al momento del lancio del brand ‘’Di Morabito’’ durante la Milano fashion week. Attraverso due linee di abbigliamento, uomo e donna, Giuseppe ha la possibilità di sintetizzare il suo stile proiettandosi definitivamente nel mondo della moda. Di Morabito combina il suo amore per il passato abbracciando la bellezza e il valore della modernità.

“Qual è stata la tua reazione appena hai saputo di essere tra i finalisti di Who Is On Next?”

Giuseppe di Morabito ci ha risposto così:

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr