2 dicembre 2015

#TalentStory Blazè Milano

Iconico, discreto e senza tempo è il blazer, il cuore del progetto di Delfina, Corrada e Sole, tre amanti della moda, amiche, fortemente legate alla tradizione e al contempo aperte al concetto di innovazione. Sono loro che fondano il brand Blazè Milano e che con grande tenacia conquistano la finale di Who Is On Next? donna 2015, durante l’edizione di luglio di Altaroma. In contatto con i più grandi tessutai d’Europa, propongono una giacca fortemente classica ma dotata di elementi contemporanei, come le quattro tasche interne al capo che divengono emblema di comodità per una donna stufa di rimanere incatenata alla borsa.

Blazè paradossalmente non segue la moda ma contiene in sé l’essenza di uno stile ineffabile, difficile da catalogare. Delfina, Corrada e Sole puntano tutto sull’eccellenza del capo che altrimenti farebbe fatica a emergere e votano loro stesse in difesa di un concetto che il fashion system odierno sta lentamente relegando in un angolo: la qualità. Quando parlano di sogni, ammettono di desiderare che Blazè Milano diventi il brand di riferimento per quanto riguarda i blazer e magari, (perchè no?), di sviluppare una linea che comprenda la realizzazione di pantaloni che accompagnino il capo must.

La collezione autunno/inverno 2016 si esplicita in diversi modelli molto curati nella scelta della linea, dei colori e dei tessuti. I molteplici capi sembrano avere come file rouge solo ed unicamente l’eleganza senza tempo, che, neanche a dirsi, è la colonna portante del marchio made in Italy. La palette cromatica oscilla tra color sabbia e beige, tra grigio e nero passando per una tonalità  di marrone. I bottoni d’oro si propongono di dare un tocco in più ad un collezione che è già in grado di brillare di luce propria.

Blazè si muove, così, verso qualcosa di più, senza abbandonare la strada dell’azzardo e ciò che ha segnato la sua scalata al successo: essenzialità, eleganza ed umiltà. 

 

Giulietta Riva, IED Istituto Europeo di Design

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr