23 ottobre 2014

Chatting with Quattromani

Collaborazione, scambio di idee, aiuto reciproco. Approccio sperimentale alla moda, una sonata al pianoforte e anche le prime sillabe dei nomi dei due stilisti. Tutto questo è Quattromani, il brand nato dalle menti creative di Massimo Noli e Nicola Frau, menzione speciale all’edizione 2013 di Who Is On Next?. Guidati dai dettami di uno stile contemporaneo, lineare, a tratti minimalista, ripulito sino all’essenza del concetto, i due giovani designer focalizzano la loro attenzione sui tipici dettagli della sartoria e continuano a distinguersi per la freschezza delle loro creazioni. Per la primavera estate 2015, il duo stilistico sardo ci riporta agli anni dell’adolescenza e sintetizza l’approccio mimetico e adattativo dell’essere quasi adulti attraverso i camaleonti, indiscussi protagonisti delle stampe, ironiche e fancy. Ma com’è nata l’idea? Lo abbiamo chiesto a Massimo e Nicola.

 

quattromani_ss_2015_1

 

L’ultima collezione segna il passaggio dalla fanciullezza all’età adulta in una sorta di parallelismo con la crescita del vostro brand. Quanto e come è cambiato Quattromani dagli esordi?

Nell’ultimo anno e mezzo Quattromani ha subito una forte crescita, sia personale che professionale; sono successe tantissime cose belle e significative. Stagione dopo stagione, stiamo stabilizzando la nostra idea di moda, imparando a conoscere sempre meglio il nostro modo di approcciarci e sviluppare il lavoro.quattromani_ss_2015_15

Mood e linee sportive ma anche look sofisticati e sensuali. Raccontateci la vostra primavera estate 2015.

Nella nostra primavera estate siamo partiti da un’idea di sport, sempre alla base delle nostre collezioni. L’intento è quello di dare un’immagine più velata del nostro mondo, fatta di colori sorbetto, tagli netti, tessuti dalle texture definite e, come sempre, della nostra continua ricerca su materiali tecnologici.

Dalle cicale ai camaleonti. Il mondo della natura ritorna a fare da fil rouge alle vostre creazioni. Da dove nasce l’ispirazione stavolta?

L’ispirazione nasce da una riflessione sull’artista Liu Bolin, detto anche “uomo camaleonte”. Il Camaleonte, per proteggersi, ha la caratteristica di fondersi con i colori dell’ambiente che lo circonda e, nonostante sia impercettibile all’inizio, lascia comunque sempre traccia di sé. Da qui l’idea di creare una texture, stampata su organza tecnica, di camaleonti che formano dei reticoli geometrici.quattromani_ss_2015_23

L’approccio sperimentale di Quattromani è sempre rintracciabile nella scelta dei materiali. Quali sono le texture che avete utilizzato per la PE 2015?

Anche in questa collezione abbiamo usato dei materiali tecnici: la rete tubica forata doppiata, tipica dell’abbigliamento sportivo, con cui abbiamo costruito dei cocktail dress, il pvc fumée, che abbiamo abbinato al classico tessuto stuoia, e il popeline millerighe goffrato, sino ad arrivare alle spalmature e laminature di pantaloni e giacche.quattromani_ss_2015_27

L’accessorio nelle vostre collezioni non è solo vezzosità decorativa e complementare ma parte funzionale e strutturale del capo. Per la prossima stagione calda quali saranno gli accessori must?

Per la prossima stagione abbiamo voluto lavorare sui must Quattromani rendendoli sempre più preziosi. La nostra “monoblocco” si è trasformata in bauletto grafico, mentre la “piattina” è stata impreziosita da dettagli in cocco e accessori metallici oro. Immancabile, inoltre, per la prossima primavera estate, è lo zaino, reminiscenza di ricordi adolescenziali, rivisitato in microfibra Hi-tech.

Mara Franzese

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+4Share on LinkedIn0Share on Tumblr