1 luglio 2016

Miahatami finalista Who is on Next? donna 2016

Punto d’incontro tra la cultura del Medio Oriente e il design occidentale, Miahatami, brand creato nel 2015 da Narguess Hatami, ha come credo estetico le radici della tradizione persiana, i legami familiari e il Know How maturato nel corso degli anni.

La scelta del nome è del tutto personale: infatti è il cognome della designer, preceduto dall’ aggettivo possessivo “mia”, sottolineando quanto questo progetto l’appartenga e la rappresenti.

Narguess Hatami nasce a Teheran nel 1981 e il suo legame con l’arte è qualcosa d’innato. Figlia di un architetto e di una designer, fin da piccola disegna, dipinge e suona il pianoforte. Il suo nome in persiano significa “fiore di narciso”, in onore del bouquet che il padre ha regalato alla neo-mamma alla sua nascita. Dopo aver terminato gli studi scientifici, si trasferisce a Bologna per frequentare il corso di laurea Culture e Tecniche del Costume e della Moda. In seguito muove i primi passi nell’ ufficio stile di Paola Frani e successivamente da Massimo Giorgetti. Dopo aver collaborato con Marco Morosini e Aviù, lancia la sua linea dimostrando fin da subito uno stile chiaro e riconoscibile. Propone la tradizione persiana in modo rigoroso e progettuale, assolutamente contemporaneo e tecnologico. Multiculturalità, accuratezza sartoriale e le lavorazioni innovative contraddistinguono il marchio. Fantasie, ricami e immagini trasmettono le sue origini, attraverso una palette cromatica vitaminica.

Un senso di libertà è intrinseco nel marchio e la filosofia di Narguess è molto esplicita da questo punto di vista, ovvero, “scegliere e non farsi scegliere”.

 

 Di Maria De Rose, IED Istituto Europeo di Design 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+1Share on LinkedIn2Share on Tumblr