24 ottobre 2014

Antichità e modernità insieme in una nuova mostra di Matt Collishaw a Galleria Borghese

L’arte contemporanea si fonde con la storica collezione di Galleria Borghese, in una nuova mostra di Matt Collishaw dal titolo “Black Mirror”.

Mat Collishaw-Black Mirror-Ph Andrea Simi

Mat Collishaw Black Mirror Ph. Andrea Simi

L’ambizioso progetto è parte di “Committenze Contemporanee”, un programma che la celebre Galleria romana persegue dal 2007 e che ha come protagonisti artisti contemporanei, ai quali vengono affidati spazi della stessa, per la creazione di progetti installativi. L’esposizione, che resterà aperta fino all’11 gennaio 2015, è stata presentata dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, diretta da Daniela Porro e dalla direttrice della Galleria Borghese, Anna Coliva.

Mat Collishaw Black Mirror Ph. Andrea Simi

Mat Collishaw Black Mirror Ph. Andrea Simi

L’artista, lasciandosi ispirare dalle collezioni di dipinti e sculture presenti all’interno del museo, ha ideato tre opere monumentali, che appaiono e scompaiono dietro le superfici di grandi specchi incorniciati in vetro nero di Murano, e basate su tre celebri dipinti del Caravaggio: il San Gerolamo, la Madonna dei Palafrenieri e il Davide con la testa di Golia. Le figure sono animate, respirano, chiudono gli occhi e si muovono davanti a noi. Persone comuni, in procinto di essere trasformate in icone religiose. La Strage degli Innocenti di Ippolito Scarsella, invece, trova la sua rivisitazione nella quarta opera esposta al piano terra del museo.

Il tutto è organizzato da 1/9unosunove, mentre partner speciale è il British Council, che ha supportato l’evento tramite un film documentario sulla mostra.

Allora non resta che vivere questo magico viaggio, sospesi tra il mondo reale e il regno della pittura.

Monica Casola

galleria borghese

Mat Collishaw Zootropio Ph. Andrea Simi

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+3Share on LinkedIn0Share on Tumblr