5 settembre 2016

MARIANNA CIMINI E CATERINA ZANGRANDO AD ALTAROMA

Nel quartiere Esquilino, a Roma, si conserva una sala semisotterranea decorata di affreschi, unico resto del complesso architettonico appartenente a Mecenate.

Il monumento, tradizionalmente conosciuto come Auditorium di Mecenate ma in realtà antico ninfeo, è situato all’interno del giardino pubblico in Largo Leopardi e ancora ben conservato nel suo complesso.

Luogo selezionato all’interno del progetto Tale(nt) of Rome, l’Auditorium di Mecenate, ha ospitato le collezioni Spring/Summer 2017 delle designers Marianna Cimini e Caterina Zangrando, durante la settimana di Altaroma.  

ALTAROMA

Colori, geometrie e fantasie retrò, le componenti della “New collection”, del brand Marianna Cimini.

La stilista grazie a volumi e a sfumature sgargianti, esprime il suo stile che tende all’essenza e alla pulizia delle linee morbide, con un tocco mediterraneo dei colori e delle stampe.

ALTAROMA

La ricerca dei tessuti e l’accuratezza nei dettagli, accentuano maggiormente l’intramontabile Made in Italy.

La donna Marianna Cimini, impone una presenza raffinata ma non rigorosa, elegante ma contemporanea.

ALTAROMA

Per quanto riguarda gli accessori, vengono esposti i gioielli di Caterina Zangrado.

Nelle sue creazioni vi è una linea che fa onore, ai punti salienti del brand.

Un bijoux Zangrado è “Simbolico-Geometrico-Intrigante”.

Durante il percorso, si possono notare eleganti ed estrosi giochi di colori, di forme e di pietre preziose.

ALTAROMA

Argento e oro, sono i due colori principali, caratterizzati dall’uso di frange e pendenti, che donano al gioiello un senso di unicità.

Le due giovani creative, nel 2014 hanno partecipato a Who Is On Next? donna, per poi entrare a far parte, nel 2016, del progetto “Tale(nt) of Rome”, che ha contribuito a far affermare l’ unicità del prodotto realizzato interamente in Italia.

Maddalena Mallia

IED, Istituto Europeo di Design

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn1Share on Tumblr