23 marzo 2015

MARCOBOLOGNA F/W 2015-16

Questa volta è la trasgressiva, lussuosa ed eccentrica vita della Marchesa Casati, a ispirare Marco Giugliano e Niccolò Bologna per la collezione autunno inverno 2015/16 firmata Marcobologna, presentata durante la fashion week milanese.

 

I due giovani designer, dopo gli studi nelle accademie di moda e i primi anni di collaborazione con prestigiosi brand quali Dolce & Gabbana, Versace e Strenesse, vincono Who Is On Next? donna nel luglio 2013 e presentano la loro successiva collezione alle sfilate di Altaroma di gennaio  2014.

 

Unendo i loro stili perfettamente contrapposti, con questa nuova collezione, sembrano ripercorrere la vita dell’eccentrica Marchesa Luisa Casati, una donna che fu capace di trasformare se stessa in un’opera d’arte attraverso il suo stile di vita e il suo aspetto estetico.

marcobologna

Le gonne in seta, gli abiti jacquard animalier e le camicie in georgette di seta sono caratterizzate da pattern di animali quali corvi albini, pavoni e ghepardi, allora presenti nei giardini della sua residenza.

marcobologna

E ancora i levrieri con cui fu ritratta da Boldini, diventano motivi stilizzati su gonne a tubo e audaci abiti guêpière. I capi in denim nero con inserti in eco pelliccia e pietre preziose rosso rubino -must have della collezione- sembrano perfetti per i grandi eventi mondani a cui lei partecipava.

marcobologna

Le stelle rosa o rosse stampate sulle camicie e sugli abiti in leggerissimo chiffon di seta, sono un forte richiamo al costume da lei indossato “Queen of the Night” , realizzato da Leon Bakst negli anni ’20.

marcobologna

marcobologna

La palette cromatica, caratterizzata da forti contrasti sembra dividersi tra due mondi: rosso sangue, nero e pavone per la parte più dark; rosa antico, cioccolato e verde militare per la sezione più romantica e femminile.

marcobologna

Da non dimenticare gli  elastici e lettering distintivi, evidenti richiami alla personalità della marchesa e al mondo bondage.

marcobologna

 

 Francesca Rainoldi, IED Istituto Europeo di Design

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr