15 dicembre 2014

Fashion Toys Mania

“Gira la moda”, “Miss make-up”, “Maglieria magica” oppure la bambola per eccellenza: “Barbie”. Sono alcuni dei fashion toys che dagli anni ottanta  sono sempre stati presenti nelle letterine di Babbo Natale, un vero must.

Hanno fatto nascere in tutti i bambini  il gusto per la moda.

 

“Gira la moda” nato nel 1984 permetteva di creare disegni di diversi modelli. Si giravano i cerchi concentrici, che ruotati opportunamente davano la possibilità di creare numerosi abbinamenti: il cerchio interno per scegliere la testa della modella, quello intermedio la parte superiore dell’abbigliamento (camicie, maglie ecc.) e quello più esterno la parte inferiore (gonne, pantaloni ecc.). Una volta realizzata la combinazione, si passava il carboncino e il bozzetto era pronto. “Gira la moda”  ci faceva sentire proprio come dei veri fashion designer , pronti a far confezionare il bozzetto realizzato.

Lei è un’icona da sempre: “Barbie” è la bambola più venduta al mondo dal 1959 quando venne creata da Ruth Handler . Quanti pomeriggi abbiamo passato a pettinare i suoi lunghi capelli biondi, a cambiarla con le centinaia di vestiti a disposizione, a farla uscire con Ken, il suo storico fidanzato? Barbie, come tutte le star ha collaborato con i migliori designer, da Yves Saint Laurent a Giorgio Armani, che l’hanno vestita nei suoi 30 centimetri. E nonostante siano passati 55 anni la biondissima bambola, quest’anno, è tornata a calcare le passerelle della fashion week milanese. Jeremy Scott, direttore creativo di Moschino, le ha dedicato l’intera collezione SS 2015.

Non si tratta di semplici giocattoli. Sono stati per tutti i piccoli appassionati di moda il primo approccio con vestiti, scarpe, colore, glamour, hanno stimolato la creatività di migliaia di bambini  e ci hanno fatto sognare di entrare, un giorno, nel fantastico mondo della moda.

 

Cinzia Maiello

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+1Share on LinkedIn0Share on Tumblr