23 aprile 2014

Ettore Spalletti e la sua arte contemporanea

Tre atti per un percorso sensoriale all’insegna dell’arte contemporanea: Ettore Spalletti espone i suoi lavori in un’inedita raccolta suddivisa in tre Musei italiani. Ogni città ospiterà un diverso aspetto della produzione dell’artista, per un totale di circa 70 opere tra dipinti, sculture e istallazioni ambientali. Un viaggio nell’Italia per raccontare la complessità della produzione del maestro abruzzese.

 

Ettore Spalletti

La passeggiata culturale inizia al MAXXI di Roma, per un progetto curato da Anna Mattirolo, per passare poi al GAM di Torino ed infine al MADRE di Napoli. Ogni mostra è stata pensata e realizzata dall’artista seguendo le indicazioni architettoniche delle sale, riuscendo così a creare ambienti in cui è possibile fondersi con l’arte stessa. La rassegna romana Un giorno così bianco, così bianco, in cui sono esposte 17 opere, ospita oltre alle tele, una grande installazione in cui è possibile entrare, lasciandosi cullare dall’atmosfera artistica che aleggia nelle sale. Opere storiche, recenti e inedite che negano l’idea di un approccio cronologico all’arte, ma tentano di spiegare la molteplicità produttiva del maestro.

Ettore Spalletti

 

Lavori provenienti dallo studio dell’artista e da notevoli collezioni private occuperanno gli ambienti del GAM di Torino, mentre al MADRE, sarà raccontata la storia dell’avventura creativa dall’esordio negli anni settanta, fino ad oggi.

Ettore Spalletti

 

Spalletti in quarant’anni di operato, ha abbracciato vari momenti salienti dell’evoluzione culturale, mantenendo però, sempre vive le sue peculiarità: un occhio moderno con una pennellata di classicismo.

Una sonata a tre tempi in cui colori, sensazioni e silenzi si uniscono per dar vita ad un’ esperienza visiva, in cui gli accordi cromatici attraversano il tempo e lo spazio, come un vento fresco di primavera.

Fabiana Parpagnoli

Accademia Costume & Moda

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr