24 giugno 2016

EDITHMARCEL finalista Who is on Next? donna 2016

E’ una scommessa senza genere, quella di Andrea Masato e Gianluca Ferrarcin. Entrambi provenienti dallo IUAV di Venezia, sono i fondatori di EdithMarcel, marchio a-gender finalista dell’ultima edizione di Who is on Next? donna 2016.

Il duo ha colto il fermento estetico e culturale che stiamo vivendo. Poco più di un anno fa ha creato un brand che già nel nome esprime un “armonico contrasto”. Due nomi, uno femminile, Edith, e l’altro maschile, Marcel, si fondono per abbattere l’anacronistica distinzione tra i sessi. La società vuole liberarsi dagli stereotipi e la moda, veloce com’è, ha già accolto il cambiamento. Così, la linea netta che divide uomo e donna, si fa sempre più labile.

EdithMarcel traduce questo concetto in una “ricerca di forme e volumi in grado di vestire indistintamente uomo e donna”. Si tratta di capi che offrono ad ognuno la possibilità di esprimersi come individuo nel modo in cui preferisce, senza barriere.

Il lavoro di questi giovani creativi è uno “studio in divenire”, ma i capisaldi del brand sono le forme essenziali e pulite, riproposte anche nella P/E 2017. E “se la collezione precedente guardava all’ornamento come un delitto piacevole se dosato e controllato dalla forma, questa collezione vuole eleggere l’ornamento a suo punto di partenza.” Gli stilisti “ hanno voluto riflettere sul concetto di barocco come ‘delirio ornamentale’, trovando nel lavoro di Federico Fellini una fonte di ispirazione fondamentale.” La tonalità chiave è il rosa e i materiali sono diversi, con l’obiettivo di rifuggire, oltre alla distinzione di genere, anche la stagionalità. La volontà di trascendere le canoniche divisioni rispecchia una ricerca che “si propone di fare una sorta di sintesi degli opposti, per arrivare a un’estetica che, ancora una volta, si definisce nella sua inclusiva non-definizione.”

 

 

Giada Berardi, IED Istituto Europeo di Design

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+1Share on LinkedIn0Share on Tumblr