6 giugno 2016

Bansky: “War Capitalism & Liberty”

Lotta contro il capitalismo, guerra e desiderio di libertà, così si può descrivere l’opera dello street artist Banksy,  una delle figure più discusse ed acclamate di oggi, nonostante il suo anonimato. Le tematiche affrontate fanno da cornice alla mostra “War Capitalism & Liberty”, promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro, aperta a Roma presso Palazzo Cipolla fino al 4 settembre 2016.

bansky

L’artista, originario di Bristol, ha influenzato il panorama culturale odierno a livello mondiale, fino ad essere considerato il più importante esponente della Street Art.  Diverse sono le tecniche da lui usate: pittura su tela, istallazioni e serigrafie, per non dimenticare lo stancil, il suo preferito. Le sue opere sono contraddistinte da umorismo e umanità, insieme ai dilemmi della nostra popolazione e massima fonte d’ispirazione per l’artista. Infatti presentano al loro interno un commento satirico, che necessita però di un riferimento intellettuale per essere compreso al meglio.  

bansky 

Il suo scopo è anche dar voce ai più deboli, a chi non è ascoltato da nessuno ed è rigettato dagli altri, come per esempio i topi. A questi animali è dedicata una sezione della mostra, mentre le altre sono: “il gran salone del capitalismo”, “la sala della guerra”, “la sala della libertà”, “la sala delle scimmie” e “la sala delle collaborazioni”. Sono esposti dipinti originali, stampe, sculture, molti di questi mai visti prima, appartenenti a collezioni private internazionali. Riferimenti alla Pop Art di Andy Worhol, copertine di dischi illustrate dallo street artist, citazioni applicate sui muri e una parete che racconta la sua storia dal 1998 al 2015, queste sono alcune peculiarità che arricchiscono lo spettacolo. Le problematiche sociali e il contesto da cui viene ispirato, caratterizzano un grido di ribellione che cerca di fermare ciò che logora il mondo.

“Un muro è una grande arma. È una delle cose peggiori con cui colpire qualcuno”, così Banksy descrive la sua missione.

 

Maria De Rose, IED Istituto Europeo di Design 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn5Share on Tumblr