27 gennaio 2014

AltaRomAltaModa 2014| Day 2

Mentre la Capitale fa fatica a svegliarsi in questa domenica mattina fredda ma soleggiata, Altaroma dà il buongiorno ai suoi ospiti con l’ultima rivelazione della nona edizione di ”Who’s on next?”: Esme Vie. Con un mix di eleganza e femminilità in grado di incantare la platea, la designer Julie Voitenko omaggia la città con la collezione “With love to Rome”.4m_1

“Non voglio inventare niente di strano ma creare capi in grado di rendere la donna sofisticata: semplicemente elegante”. Obiettivo ampiamente raggiunto visti i numerosi consensi del gotha della moda.

 

Quattromani irrompe nell’atmosfera bon ton presentando una capsule dinamica e contemporanea, senza mai dimenticare il dettaglio sartoriale. I tagli netti contrapposti a linee affusolate ben esprimono il dualismo del brand. Il risultato? Una collezione perfettamente bilanciata tra rigore e gioco.

 

Dopo i giovani finalisti di WION? è la volta di Nino Lettieri che, visto il periodo di profonda incertezza economica e sociale, preferisce guardare al passato presentando una rivisitazione scultoria del plissè.

Con il crepuscolo le ambientazioni diventano mitologiche, dalle nuance intense per l’Alta Moda firmata Renato Balestra. Fil rouge della collezione è l’esplosione del colore su tessuti leggeri che evoca lo svolazzare dell’uccello del paradiso, tema centrale della linea.

Dalla Nuova Guinea all’Africa il passo è davvero breve grazie al sogno di Molaro che ci trascina in un mondo fantastico fatto di intrecci e richiami divistici. Le radici delle piante si avvolgono così al corpo per dar vita a linee e volumi, in un gioco di accostamenti e forme audaci in cui materiali preziosi si mescolano ad elementi in plexiglass. ev

 

Conclusa l’ultima sfilata della seconda giornata della kermesse capitolina la bellezza degli abiti cede il passo al fascino della città di notte.

 

Fabiana Parpagnoli

Giulio Piano del Balzo

Accademia Costume & Moda

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Tumblr